La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 22531 depositata il 27 settembre 2017, ha finalmente riconosciuto il principio di “civiltà” secondo cui il contribuente ha diritto di usufruire di una importante riduzione nell’importo richiestogli a titolo di TARSU (la tassa sui rifiuti) nel caso in cui, all’interno del proprio Comune di residenza e/o di lavoro, il servizio di raccolta dei rifiuti non venga concretamente svolto.